Come pulire gli infissi in PVC: consigli utili

Per non compromettere la funzionalità e la lucentezza delle finestre è necessario procedere ad una corretta pulizia. Perciò è importante capire come pulire gli infissi in PVC e quali sono gli strumenti giusti da utilizzare.

pulire infissi pvc

Gli infissi in PVC sono oggi la scelta ideale per chi intende sostituire o acquistare delle finestre nuove. Esistono vari tipi di finestre in PVC sul mercato e ognuna ha interessanti caratteristiche che consentono di ampliare la scelta verso le più disparate alternative. Spaziano dalle classiche finestre a battente a soluzioni di aperture scorrevoli, per godere appieno di affascinanti viste panoramiche. In generale hanno un ottimo rapporto qualità/prezzo e, rispetto ad altri serramenti, richiedono una minore manutenzione.

Infissi in PVC, proprietà del materiale e come pulirlo correttamente

Il PVC (polivinilcloruro) è un polimero termoplastico, ciò significa che può essere portato a uno stato viscoso e modellato aumentando la temperatura. Questo materiale plastico non si deforma, non sbiadisce e non rischia di deteriorarsi a causa delle intemperie, come accade con il legno. Per questo, tra le varie opzioni di infissi, le finestre in PVC si distinguono per la loro ottima qualità e durabilità nel tempo.
Oltre a essere un materiale estremamente resistente all’umidità e agli sbalzi di temperature, questo tipo di serramento, offre anche ottime prestazioni come la sicurezza, la sostenibilità e il rapporto qualità/prezzo.

Poiché le finestre in PVC sono molto resistenti, non richiedono grande manutenzione. Basta una periodica e corretta pulizia per mantenere brillanti gli infissi e assicurare la buona funzionalità nel tempo.

Come pulire gli infissi in PVC in modo corretto

La pulizia degli infissi in PVC richiede pazienza e determinate accortezze. Spesso, per la fretta, si rischia di utilizzare prodotti e strumenti inadeguati, come spugne abrasive o prodotti aggressivi con la conseguenza di danneggiare o rigare le finestre. Per questo è importante essere informati e capire come pulire gli infissi in PVC in modo corretto. Vediamo qual è il giusto procedimento:

  • Come primo passaggio è fondamentale eliminare la polvere, per preparare gli infissi a una successiva pulizia più accurata. Poiché la polvere, se non eliminata correttamente, può rigare il vetro e rendere complicato il procedimento di lavaggio, in questo caso basta utilizzare un panno asciutto in microfibra e strofinare dolcemente.
  • Per eliminare in modo approfondito e con facilità la polvere dal telaio, dalle ante e dalla ferramenta, è possibile usare l’aspirapolvere.
  • Per creare la soluzione è necessario diluire una piccola quantità di sapone neutro in una bacinella contenente acqua tiepida, versare il composto in uno spruzzino e nebulizzare la soluzione sugli infissi. Come alternativa al detergente, è possibile utilizzare aceto bianco.
  • Dopo aver lasciato agire la soluzione per qualche minuto procedere alla pulizia strofinando delicatamente le finestre con un panno leggermente inumidito. Per concludere asciugare le superfici con un nuovo panno pulito e asciutto.
  • Per le guarnizioni è possibile acquistare degli spray al silicone per evitare che si secchino con il tempo.
  • Per eliminare le macchie dalle finestre bianche è possibile sostituire il detergente neutro con il bicarbonato diluito in acqua insieme all’aceto bianco.

Perché è importante mantenere puliti gli infissi in PVC

Gli infissi in PVC richiedono una manutenzione minima rispetto ad altri materiali come il legno. La resistenza del PVC permette alle finestre di non essere danneggiate dagli agenti atmosferici. Tuttavia, è importante pulire correttamente i serramenti e ripetere l’operazione almeno quattro volte l’anno. Questo garantisce non solo un corretto funzionamento delle finestre, ma aiuta anche a preservare l’aspetto lucente del materiale.

Le finestre in PVC sono realizzate con un materiale durevole, ma con il passare degli anni possono rovinarsi a causa dell’esposizione al sole e alle intemperie. In tal caso, occorre una manutenzione accurata. Tuttavia, le finestre in PVC hanno una vita media di 15-20 anni, purché si scelga una ditta seria e qualificata che garantisca un prodotto di alto livello.

Da Oknoplast, leader mondiale di infissi in PVC, è possibile trovare le migliori soluzioni in termini di qualità, efficienza e professionalità.

Infissi ecosostenibili, Oknoplast per il futuro del pianeta

Una casa green è il sogno di tanti... un'abitazione che oltre a garantire un risparmio energetico sia sostenibile e abbia un impatto ridotto sull'ambiente. Per fare questo occorre un forte rinnovamento di varie parti della casa: dalle opere murarie, come i cappotti termici, fino alle componenti interne come gli Infissi ecosostenibili.

infissi ecosostenibili

Cosa si intende per infissi ecosostenibili

L’ecosostenibilità abbraccia molteplici aspetti dell’attività umana nell’ottica di uno sviluppo ed una gestione delle risorse virtuosa e volta all’eliminazione di ogni tipo di spreco, al fine di preservare i delicati equilibri dell'0ambiente e di scongiurare le conseguenze negative che potrebbero derivare da una loro alterazione, come i già presenti cambiamenti climatici avvertono.

L’ecosostenibilità interessa ogni ambito, dall’acquisto dell’auto a quello dei vestiti, fino ad arrivare ai serramenti ecosostenibili.

I serramenti ecosostenibili devono rispettare una serie di requisiti e caratteristiche. Non si tratta solo dei materiali utilizzati, c’è di più. Ad esempio:

  • Basso impatto ambientale durante la produzione dei serramenti
  • Assenza di sostanze nocive nel PVC e nell’alluminio delle finestre
  • Impiego di materiali riciclabili per la produzione di infissi
  • Utilizzo di vetrocamere green
  • Installazione semplificata degli infissi

Oknoplast e l'ecosostenibilità

Fin dalla sua fondazione Oknoplast si è impegnata a realizzare infissi a elevato risparmio energetico. Per raggiungere questo obiettivo Oknoplast sceglie come fornitori soltanto quei partner che rispettano le più rigide norme ambientali internazionali. Inoltre, si impegna costantemente per ridurre il consumo di energia degli stabilimenti, cercando metodi all’avanguardia per un approccio sempre più sostenibile. Ad esempio, gestendo gli scarti di lavorazione, che sono riciclati o smaltiti in modo ecologico al 100%.

Tutti i profili in alluminio e PVC sono realizzati con materiale vergine, il quale può essere interamente riciclato e per questo è uno dei materiali più ecologici. Tutti i profili Oknoplast infatti sono certificati VOC, ovvero privi di composti organici volatili dannosi per l'uomo e l'ambiente. Inoltre non contengono piombo, proprio come tutte le vetrocamere.

La gran parte dei consumi energetici delle case sono causati dalla dispersione termica che avviene attraverso le finestre. Uno spreco di energia che si traduce in un maggior utilizzo degli impianti di riscaldamento e di condizionamento, con conseguente incremento delle emissioni inquinanti.  Gli infissi in PVC e i serramenti in alluminio a risparmio energetico Oknoplast ti aiuteranno a limitare questo problema e ridurre l’impatto ambientale della tua abitazione. L'impegno di Oknoplast nel realizzare infissi che ottimizzano i consumi ed eliminano le dispersioni di energia ha consentito di diventare Partner CasaClima, la più rinomata agenzia italiana di certificazione dell’efficienza energetica.

Oknoplast Titano, prestazioni titaniche e design essenziale

Oknoplast ha puntato sull'alluminio per introdurre sul mercato una nuova linea di infissi caratterizzati da un design essenziale e da prestazioni tecniche di altissimo livello: Titano.

Oknoplast Titano

Gli infissi in alluminio stanno diventando sempre più protagonista dell’interior contemporaneo. in quanto l'alluminio è un materiale che non richiede particolare manutenzione, è durevole, non teme gli agenti atmosferici ed è disponibile in una ricca personalizzazione per adattarsi a stili abitativi differenti. 

La nuova gamma di prodotti in alluminio Oknoplast si chiama TITANO e comprende quattro modelli - Titano, Titano Evo, Titano OC e Titano Evo OC - che aggiungono a un’estetica ultramoderna e ricercata performance termo-isolanti superlative.  Ad accomunare i quattro modelli che compongono l’intera linea è, infatti, la presenza di serie di una terza guarnizione che assicura un invidiabile isolamento termoacustico e una massima protezione dagli agenti atmosferici.

La nuova gamma di prodotti nasce con Titano, finestra ideata per le sue performance eccellenti e un design futuristico caratterizzato da linee squadrate valorizzate dai fermavetro perfettamente a 90°. Il telaio e l’anta maggiorata della finestra permettono di alloggiare vetrocamere molto performanti (con vari spessori) elevandone le prestazioni.

Perché scegliere un infisso in PVC Oknoplast

Il PVC è un materiale riciclabile al 100% che offre infiniti vantaggi in termini di isolamento acustico, termico e manutenzione. Le finestre in pvc, infatti, hanno bisogno delle sole operazioni di pulizia ordinaria.

infissi pvc oknoplast

il PVC ha delle proprietà naturali straordinarie!

  • 100% impermeabile
  • 100% ignifugo
  • Resistente ad urti e intemperie
  • Zero manutenzione

La versatilità delle finestre in PVC è anche nelle forme e nel design, infatti il materiale si presta per realizzare profili delle forme più svariate per ben adattarsi alla tua casa ed al tuo stile, classico, moderno o contemporaneo che sia.

Oknoplast è leader mondiale nella produzione di infissi in PVC, caratterizzati per la grande attenzione al design e per gli elevatissimi standard di qualità, in termini di isolamento termico e isolamento acustico.

Scopri tutti i vantaggi, chiedici una consulenza gratuita!

Bonus per infissi 2023: facciamo chiarezza

Un classico dubbio è quello sulla possibilità di ottenere Bonus senza dover attuare complessi lavori di ristrutturazione interna. Ma la domanda resta: Come?. Vi risponde Oknoplast Store Viterbo. In questo articolo parliamo degli incentivi in vigore nel 2023 per i quali non è prevista la cessione del credito, ma la detrazione dalle tasse. Se vi interessa lo sxconto in fattura vi rimandiamo al bonus per l'abbattimento delle barriere architettoniche.

bonus infissi 2023

La legge di bilancio ha previsto differenti bonus da poter utilizzare per il 2023/2024 per la sostituzione dei tuoi serramenti. Inoltre con il D.L. Aiuti Quater e la Legge di stabilità sono state modificate le aliquote e le scadenze per molte detrazioni edilizie.

Bonus Casa o ristrutturazione

Nel bonus Casa o Ristrutturazione rientrano i lavori di:

  • manutenzione straordinaria
  • restauro
  • risanamento conservativo
  • ristrutturazione

Questo bonus, valido fino al 31.12.2024 in presenza delle tipologie di lavori come sopra elencati, ti consente di detrarre il 50% della spesa in 10 anni per un tetto massimo di spesa di €. 96.000 per ciascuna unità immobiliare. Quindi il bonus infissi 2023 inteso come “sostituzione degli infissi esterni o serramenti o persiane con serrante e con modifica di materiale o tipologia di infisso” viene inclusa tra gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro o risanamento e permette di beneficiare della detrazione del 50% se eseguito come singolo intervento di ristrutturazione.

Ecobonus

L’ecobonus è l’incentivo previsto per le spese legate all’ efficientamento energetico degli edifici. Trattasi di una detrazione IRPEF per la sostituzione semplice di finestre ed infissi (conosciuto anche come Ecobonus ordinario) considerata come operazione di riqualificazione energetica dell’immobile, che potrai richiedere nella misura del 65% (combinata con il cappotto termico) o del 50% della spesa sostenuta a partire dal 01 gennaio 2023 ( sulla dichiarazione dei redditi 2024) ripartita in 10 anni per quegli interventi che non possono rientrare nel Superbonus poichè effettuati senza interventi trainanti.

Gli interventi rientranti nell’ Ecobonus riguardano:

  • Riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • Miglioramento termico dell’edificio
  • Installazione di pannelli solari
  • Sostituzione degli impianti di climatizzazione

Superbonus

Gli interventi coperti dal Superbonus si distinguono in “trainanti” o “aggiuntivi”. Questo bonus ha subito diverse modifiche nel corso del tempo: ad oggi non più possibile usufruire della cessione del credito o dello sconto in fattura né è più prevista la percentuale del 110% di detrazione. Infatti la percentuale nel 2023 è scesa al 90% e nel 2024 scenderà al 70%.

Ad oggi si può ancora usufruire del Superbonus 110% nelle seguenti casistiche:

  • case unifamiliari se entro il 30 settembre 2022 era già stato effettuato il 30% dei lavori;
  • condomini se la CILA è stata presentata entro il 31 dicembre 2022;
  • edifici di AICP e cooperative entro il 31 dicembre 2023, ma bisogna completare il 60% dell’intervento entro giugno 2023;
  • interventi di demolizione e ricostruzione se l’istanza per l’acquisizione del titolo abilitativo è stata presentata entro il 31 dicembre 2022.

Bonus finestre 75%: indicazioni pratiche e chiarimenti

La detrazione per l’eliminazione di barriere architettoniche al 75% può essere utilizzate per sostituire porte, finestre ed infissi in generale., Rappresenta oggi il bonus più gettonato in ambito edilizio ed è regolata dall’art. 119-ter del decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020), il quale detta principi di carattere generale, pertanto occorre fare riferimento alla prassi dell’Agenzia delle Entrate e avere qualche accortezza che vi andremo ad illustrare.

Bonus finestre 75 indicazioni pratiche e chiarimenti

Come regolarsi, quindi? Quali sono i limiti di questo bonus fiscale? Si può applicare a tutte le tipologie di edifici? Solo alle parti comuni condominiali o anche alle singole unità immobiliari? Per tutti i lavori o solo per alcuni?

Per non rischiare di commettere errori (che potrebbero generare contestazioni dall’Agenzia delle Entrate) occorre attenersi al testo della norma e fare riferimento alla specifica prassi fiscale ricavabile dai documenti di prassi (Circolare 23/2022) con i quali l’Agenzia delle Entrate si è espressa in materia.

Chi può fruire del bonus 75%

Le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni, gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale, le società semplici, le associazioni tra professionisti e i soggetti che conseguono reddito d’impresa”. Specifica poi che il bonus spetta “anche in assenza di disabili nell’unità immobiliare o nell’edificio oggetto degli intervent.

Sull’ambito oggettivo, la Circolare si limita a riprendere un concetto già chiaro nella norma: il bonus si applica solo per interventi su “edifici già esistenti”.

I lavori possano essere agevolati anche se effettuati su un singolo appartamento in un condominio, per sostituire porte o sanitari purché, ovviamente, siano finalizzati ad eliminare barriere architettoniche.

Il bonus 75% opera solo su determinate categorie catastale dell’immobile?

La categoria catastale dell’immobile è ininfluente. Il bonus può agevolare interventi anche su teatri, palestre o alberghi: la categoria catastale dell’immobile non è rilevante. 

Quale titolo sull'immobile è idoneo per il bonus 75%

I soggetti che possono accedere al bonus “devono possedere o detenere l'immobile in base ad un titolo idoneo al momento di avvio dei lavori o al momento del sostenimento delle spese se antecedente il predetto avvio”, quindi anche associazioni che abbiano in concessione dal Comune la gestione di immobili.

Quando devo essere sostenute le pese agevolabili con il bonus 75%

Le spese agevolabili seguono il principio di cassa. Non importa quando avviene l’intervento di rimozione delle barriere architettoniche, ma quando avviene il pagamento (principio di cassa). 

Il principio del buon senso... affidarsi a professionisti del settore

Il bonus 75% risulta applicabile, anche con sconto in fattura o cessione del credito, a tutte le opere realizzate su edifici di qualunque natura o su singole unità immobiliari, purché finalizzate all’eliminazione delle barriere architettoniche, e anche alle opere di completamento correlate.

Il punto delicato, sul quale occorre prestare attenzione, è quindi legato alla natura delle opere, che devono essere di effettiva “eliminazione” di barriere preesistenti. Quindi sarà opportuno documentare, preferibilmente per tramite di un professionista, non solo che le nuove opere siano realizzate a norma del DM 236/1989, che disciplina tutti i requisiti tecnici, ma anche che quelle preesistenti non lo siano. Potrebbe non essere sufficiente, o prestarsi a possibili contestazioni, una generica dichiarazione allegata al progetto.

Diventa pertanto fondamentale affidarsi a soggetti esperti, come Oknoplast Store Viterbo. Soggetti che abbiano già seguito pratiche di questo tipo, e che siano quindi in grado di seguirvi non solo nella scelta delle finestre e degli infissi, ma anche in tutte le incombenze burocratiche del caso, che come abbiamo visto possono presentare delle insidie.

Finestre nuovo con lo sconto del 75%

Oknpoplast, il leader delle finestre di design, ha lanciato la propria campagna per offrire ai propri clienti lo sconto direttamente in fattura del 75% per l'acquisto di nuovi infissi e nuove finestre.

Finestre nuove con lo sconto del 75

Tramite i proprio Premium Partner, Oknoplast è in grado di utilizzare il bonus finalizzato al superamento delle barriere architettoniche, in modo da poter garantire lo sconto non come credito d'imposta negli anni successivi, ma immediatamente come sconto diretto in fattura.

Tutto parte dal DL 11/2023. convertito in legge (Legge 11 aprile 2023, n.38) il quale conferma il bonus per le barriere architettoniche. utlizzabile ai fini degli interventi di superamento delle barriere architettoniche per i quali spetta il bonus al 75% per le spese sostenute sino al 31 dicembre 2025, senza ulteriori condizioni (art.2, co.1-bis). In sostanza, per questa agevolazione, lo sconto in fattura e la cessione del credito sono sempre consentite per le spese sostenute e per l’avvio dei lavori anche dopo il 17 febbraio 2023, nonché per i lavori già in corso prima di tale data.

Gli infissi sono inclusi tra i dispositivi finalizzati al superamento delle barriere architettoniche fin dal Decreto Ministeriale n° 236 del 14/06/1989, il quale cita espressamente le porte di accesso esterne e interne, le porte finestre, finestre e porte finestre, le automazioni e le altezze dei loro comandi.

Oknoplast Store Viterbo, in qualità di Premium Partner Oknoplast, vi fornirà tutte le indicazioni necessarie e vi accompegnerà nello svolgimento di tutte le pratiche burocratiche. Non dovrete far altro che scegliere i vostri nuovi infissi, e pagarli con lo sconto del 75%!

Novità per i bonus casa 2023, punto della situazione

Numerose sono le novità che il governo ha ultimamente apportato ai vari bonsu per la casa, e che possono essere utilizzati anche per le finestre e gli infissi. Cerchiamo di fare un punto della situazione.

bonus infissi 2023

I bonus in questo momento operativi sono:

  • Bonus ristrutturazioni 2023
  • Bonus eliminazione barriere architettoniche
  • Bonus mobili 2023 (per acquisto mobili e grandi elettrodomestici durante ristrutturazioni)
  • Bonus e agevolazioni per interventi di risparmio energetico
  • Superbonus 110

Sono quasi tutti stati prorogati, ma con nuemrose limitazioni, sopratutto per quanto riguarda la cessione del credito e quindi la possibilità di avere lo sconto direttamente in fattura.

Un bonus che spesso non viene preso in considerazione, ma può essere utilizzato anche per finestre ed infissi, è il bonus eliminazione barriere architettoniche. Per i contribuenti che effettuano interventi per eliminare le barriere architettoniche, la normativa tributaria prevede diverse tipologie di agevolazioni:

  • la detrazione Irpef del 50% delle spese sostenute fino al 31 dicembre 2024 (36% dopo questa data) per ristrutturazione edilizia dell’immobile
  • la detrazione del 75%, introdotta dalla di bilancio 2022 (legge n. 234/2021) ed estesa fino al 31 dicembre 2025 dalla legge di bilancio 2023 (legge n. 197/2022)
  • la detrazione del Superbonus prevista per gli interventi “trainati”, se eseguiti congiuntamente a determinati interventi “trainanti”.

Rientrano nella categoria degli interventi agevolati tutti quelli effettuati (all’interno o all’esterno dell’edificio) per l’eliminazione delle barriere architettoniche ed i i lavori eseguiti per la realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione, la robotica (domotica), siano idonei a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap. In questi interventi possiamo far rientare sistemi per infissi e finestre motorizzati ed azionabili con app, device ed assistenti vocali. Il decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 236 del 14 giugno 1989, che regola gli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche, è molto lasco e si presta alle più svariate applicazioni progettuali.

Questo bonus, rispetto agli altri, ha dei vantaggi. In primo luogo la percentuale di detrazione incondizionata al 75%, e soprattuttoi la possibilità di continuare ad effettuare la cessione del credito per tutta la sua durata.

 

Oknoplast Prismatic Evolution Prodotto dell'Anno 2023

Oknoplast Prismatic Evolution è stata eletta Prodotto dell’Anno 2023 nella categoria “Finestre”, aggiudicandosi il premio per l’ottava edizione consecutiva.

prismatic evolution oknoplast

Con il modello Evolution, Oknoplast perfeziona ulteriormente la finestra Prismatic, già eletta nel 2022 prodotto dell’anno. La più ampia superficie vetrata di Prismatic Evolution rispetto al modello precedente permette di raggiungere una luminosità del 22% superiore rispetto a una tradizionale finestra in PVC.

L’infisso è realizzato con un profilo da 76 mm a 3 guarnizioni che garantisce il raggiungimento di eccezionali parametri di isolamento termico e acustico.

Oknoplast Prismatic Evolution eccelle anche per la sua versatilità e personalizzazione. Il design squadrato ed essenziale di Prismatic Evolution viene valorizzato dall’ampia gamma di colori, realistici effetti legno e rivestimenti speciali, 

Ex Cascina recuperata in stile rustico con finestre Oknoplast

Oknoplast Roma Store vi racconta di una ristruturazione dove i serramenti Prolux Evolution di Oknoplast realizzano un perfetto mix tra tradizione e modernità.  all'interno di un ambiente con antichi arredi, finiture color legno e dettagli di design.

Oknoplast prolux rustico

La storica struttura è stata oggetto di un sapiente recupero che ha conservato l’originario sapore rustico: dai materiali (come la pietra e il legno) agli arredi tradizionali, tutto racconta il passato vissuto a contatto con la natura e all’aria aperta, come testimonia anche la veranda esterna, spaziosa e accogliente.

L'obiettivo del progetto era di realizzare una ristrutturazione con un equilibrio tra tradizione e modernità: sono stati mantenuti molti degli arredi originari, accostati a nuovi elementi e finiture. Non ci sono eccessi, tutto è calibrato con attenzione, anche da un punto di vista cromatico.

Proprio gli infissi giocano un ruolo cruciale sia a livello estetico sia funzionale. La scelta di utilizzare le finestre in PVC Prolux Evolution di Oknoplast è stata dettata proprio dall’esigenza di avere un serramento che fosse moderno, leggero, in armonia con il contesto materico e che consentisse una maggiore illuminazione in uno spazio molto buio: la profondità dei muri viene così compensata dalla superficie vetrata molto ampia di Prolux Evolution che permette di raggiungere un livello di luminosità del 22% superiore rispetto a una finestra standard in PVC.

Oknoplast Finestra Prolux Evolution rustica

Infissi esterni: guida alla scelta e all'acquisto

La scelta degli infissi esterni per la propria abitazione può nascondere varie insidie, e prevede la valutazione di una serie di fattori concatenati tra loro: tecnici, progettuali e stilistici. Innovazioni e Design cerca di darvi degli utili consigli per una corretta scelta.

infissi esterni

Fattori da valutare nella scelta degli infissi esterni

Gli infissi esterni contribuiscono in maniera importante al benessere in casa, difendendoci dal caldo e dal freddo, da problemi come muffa, umidità, condensa, per non parlare dei tentativi di intrusione. Inoltre, porte e finestre sono determinanti per lo stile dell’abitazione e per l’efficienza energetica.

Tutto questo è possibile solo affidandosi ad aziende come Oknoplast, che offrono un’ampia gamma di soluzioni progettuali ed elevati livelli di personalizzazione del design.

I materiali dei serramenti esterni

I materiali maggiormente utilizzati per finestre e porte finestre esterne sono il PVC, l’alluminio e il legno. Ciascuno presenta caratteristiche diverse

Gli infissi in PVC presentano i migliori parametri di isolamento termoacustico e, insieme a quelli in alluminio, sono i più adatti a contrastare rigide condizioni climatiche. Entrambi i materiali sono impermeabili, ignifughi ed estremamente resistenti.

Il legno, sebbene abbia buone capacità isolanti, è molto più delicato di PVC e alluminio e dunque non è adatto a chi abita in zone umide, piovose o con frequenti sbalzi termici.

Serramenti per infissi esterni

Il secondo elemento da valutare sono i serramenti: esistono diverse tipologie di infissi e diversi sistemi di apertura: dalla tradizionale apertura a battente a quella a bilico, dall’apertura a ribalta ai sistemi scorrevoli, a loro volta suddivisi in varie tipologie in base al meccanismo di scorrimento delle ante.

Per scegliere la tipologia di serramenti esterni più adatta bisogna prendere in considerazione le caratteristiche architettoniche dell’abitazione, l’esposizione solare, le esigenze di sicurezza, e ovviamente i gusti personali.

Per quanto riguarda l’aspetto dell’esposizione solare Oknoplast ad esempio realizza infissi esterni capaci di far entrare in casa fino al 22% di luce naturale in più grazie ai vetri extra light di serie su tutta la gamma di finestre e le vetrocamere più ampie dello standard grazie al profilo molto sottile dell’infisso e al nodo centrale ridotto.

L’importanza del design negli infissi

Quando parliamo del design degli infissi esterni ci riferiamo a tutto ciò che ne determina complessivamente lo stile: il colore, la finitura, ma anche il design del profilo, della maniglia e degli accessori.

La scelta del colore ad esempio è fondamentale, e risponde a precisi criteri ed esigenze. Generalmente, le nuance della terra, la scala dei marroni e tutti gli effetti legno scaldano l’ambiente, lo rendono più accogliente e familiare, e quindi sono adatti a contesti classici, country o shabby.

Invece, i colori neutri e freddi, come il bianco, la scala dei grigi, l’argento, il tortora, o i toni molto decisi come il nero e gli effetti metallo, vengono scelti quasisempre per valorizzare uno stile moderno o urban-industrial.

Conclusioni

Il grado di isolamento termoacustico del materiale, le varie tipologie di serramenti disponibili, il design, gli aspetti stilistici e il grado di personalizzazione offerto dall’azienda produttrice sono i sicuramente i principali fattori da considerare per essere sicuri di fare la scelta più adatta alle proprie esigenze e alle caratteristiche dell’abitazione.

In questo Oknoplast fa davvero la differenza, consentendo di implementare le finestre esterne in PVC e in alluminio con accorgimenti per potenziare l’isolamento e la sicurezza antieffrazione, per aumentare la luminosità della casa e per migliorarne l’impatto estetico.

Vetrate panoramiche Viterbo (Vepa) in edilizia libera

Con l’approvazione del Disegno di Legge “Aiuti Bis”, l’installazione delle vetrate panoramiche è ora possibile in situazioni di edilizia libera. 
Pertanto non è più necessario che vi sia un permesso comunale. 

KE Line Glass

All'art.6 comma 1 del Testo Unico Edilizia (DPR 380/2001), che riguarda gli interventi eseguibili come attività di edilizia libera, dopo la lettera b, è stata inserita la seguente lettera ''b-bis) che prevede anche gli interventi di realizzazione e installazione di vetrate panoramiche amovibili e totalmente trasparenti, cosiddette VEPA, dirette ad assolvere:

  • funzioni temporanee di protezione dagli agenti atmosferici, 
  • miglioramento delle prestazioni acustiche ed energetiche, 
  • riduzione delle dispersioni termiche, 
  • parziale impermeabilizzazione delle acque meteoriche, dei balconi aggettanti dal corpo dell'edificio o di logge rientranti all'interno dell'edificio, purché tali elementi non configurino spazi stabilmente chiusi con conseguente reazione di volumi e di superfici, come definiti dal Regolamento Edilizio Tipo, che possano generare nuova volumetria o comportare il mutamento della destinazione d'uso dell'immobile anche da superficie accessoria a superficie utile.

A queste caratteristiche risponde il prodotto KE Line Glass, il sistema di chiusura composto da vetrate scorrevoli su binario. 
Facile da installare e privo di profili perimetrali, assicura la massima versatilità progettuale e funzionalità del tutto esclusive. Il tutto, con l’affidabilità, la sicurezza e il design di un prodotto interamente realizzato in Italia. 

Costituito da una struttura in alluminio verniciato e da pannelli in vetro temperato da 10 mm sostenuti da fondali contenenti il sistema di scorrimento, LINE GLASS consente di realizzare vere e proprie schermature vetrate di ampie dimensioni (fino a 7 m di larghezza per 3 m di altezza).

Soluzione ideale per vivere la propria pergola, al riparo da vento, pioggia e rumore, il sistema si caratterizza per il design lineare dimostrando la cura dei dettagli che da sempre caratterizza l’offerta KE.

Line Glass consente di ricavare un ambiente domestico che dialoga contemporaneamente con interno ed esterno attraverso agili vetrate protettive con caratteristiche tecnico-costruttive e profilo estetico tali da ridurre al minimo l’impatto visivo e l’ingombro apparente, in linea con i requisiti del del DL Aiuti bis.